Consulenze tecniche di ufficio

In Italia, ogni volta che il giudice, ai fini della decisione, necessita del giudizio di un esperto data la vertenza del contendere su particolari cognizioni scientifiche, può richiedere l’intervento di un esperto (art. 61 del codice di procedura civile).

Qualunque sia il caso nel quale è richiesto l’intervento del CTU, questi deve assolvere un compito fondamentale: essere sintetico e preciso rispetto alle domande che gli vengono poste, così da potere chiarire al giudice esattamente quegli elementi che egli intende valutare per giungere ad una decisione. In particolare è importante che il CTU faccia sempre riferimento a dati certi e, possibilmente, che accompagni tutto ciò che afferma con opportuna documentazione focalizzandosi –nella parte finale- sulle proprie conclusioni tecniche. Queste devono essere il risultato di un procedimento logico ben preciso ma non devono mai permettersi di esorbitare in affermazioni che potrebbero avere, al di là dei profili tecnici, un'influenza diretta sulla decisione della causa. Il CTU dunque, in qualità di “tecnico ausiliario” del giudice, fondamentalmente deve:

  • illuminare l’organo giudicante cercando di risolvere i problemi e non crearne di nuovi;
  • dare al giudice tutti i chiarimenti che di volta in volta gli sono richiesti;
  • rilevare tutti i fatti per lui importanti alla fine di una valutazione tecnica;
  • analizzare i fatti rilevati in relazione alla proprie cognizioni ed alle domande a lui rivolte;
  • essere assolutamente obiettivo nell’espletamento dell’incarico;
  • confrontarsi con i rispettivi consulenti di parte se nominati;
  • riferire al giudice tutte quelle circostanze che possono interferire con l’espletamento dell’incarico;
  • chiedere eventualmente al giudice l’autorizzazione ad agire nel caso si verifichino circostanze non previste al tempo del conferimento dell’incarico (ad es. spese considerevoli da sostenere per l’incarico e per eventuali indagini) L'accettazione dell'incarico comporta un giuramento di rito nel quale il Consulente: « Giura di bene e fedelmente adempiere le funzioni affidategli al solo scopo di far conoscere al giudice la verità »

(Fonte: Wikipedia.it)

Il geom. Paolini Fabio è iscritto all'albo dei CTU presso il Tribunale di Fermo

Dove siamo e Contatti


Geometra Paolini Fabio
Via Gabriele D'Annunzio, 8
63821 Porto Sant'Elpidio (FM)
0734 877225
0734 1963026
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Numero ad uso esclusivo per condomini:
07341963038

ORARIO DI APERTURA:
dal Lunedì al Venerdì
Mattino: dalle ore 09.00 alle ore 12.00
Pomeriggio: dalle ore 15.00 alle ore 19.30

I sign.ri rappresentanti si ricevono solo su appuntamento.